Miele di Alta Montagna

5,909,40

Miele di Alta Montagna

Il miele di Alta Montagna è un millefiori raccolto dalla flora alpina, ad un’altitudine di 1500 – 1600 metri. Di colore che varia dal noce al bruno, con un sapore  forte ma gradevole. Spesso, erroneamente, si crede che il “millefiori” sia un miele di serie B, questo per la molteplicità dei pollini di cui è composto; non c’è nulla di più sbagliato, anzi! E’ infatti uno dei mieli più completi a livello nutrizionale, vista la ricca composizione di essenze presente nei pascoli e nei prati in quota.

Abbinamenti

E’ottimo per la colazione, spalmato sulle fette biscottate o su una fetta di pane, ma si presta benissimo anche per dolcificare il porridge d’avena. Si accompagna bene a formaggi molto stagionati sia caprini sia ovini, ma risulta perfetto anche per laccare arrosti ed accompagnare cacciagione e selvaggina, funghi e tartufi: è insomma un miele “a tutto pasto”, adatto a diversi abbinamenti grazie alla sua variegata composizione di specie botaniche.

La Flora Alpina

Le specie che si trovano dove finisce il limite del bosco sono prevalentemente erbacee. Più si sale di quota, infatti, e più le piante assumono delle caratteristiche che le rendono corte, compatte e sottili; questo meccanismo è studiato dalla natura per permettere alla pianta di immagazzinare quanto più calore possibile durante il giorno, per sopravvivere alle gelide temperature serali/notturne. Inoltre, resistono meglio anche all’irraggiamento solare, molto intenso nell’ambiente alpino. La flora alpina è composta quasi interamente da piante perenni, con ciclo vegetativo molto rapido e una fioritura precocissima, che si verifica appena dopo lo scioglimento delle nevi.

Svuota
COD: N/A Categoria:

Descrizione

Miele di Alta Montagna

Il miele di Alta Montagna è un millefiori raccolto dalla flora alpina, ad un’altitudine di 1500 – 1600 metri. Di colore che varia dal noce al bruno, con un sapore  forte ma gradevole. Spesso, erroneamente, si crede che il “millefiori” sia un miele di serie B, questo per la molteplicità dei pollini di cui è composto; non c’è nulla di più sbagliato, anzi! E’ infatti uno dei mieli più completi a livello nutrizionale, vista la ricca composizione di essenze presente nei pascoli e nei prati in quota.

Abbinamenti

E’ottimo per la colazione, spalmato sulle fette biscottate o su una fetta di pane, ma si presta benissimo anche per dolcificare il porridge d’avena. Si accompagna bene a formaggi molto stagionati sia caprini sia ovini, ma risulta perfetto anche per laccare arrosti ed accompagnare cacciagione e selvaggina, funghi e tartufi: è insomma un miele “a tutto pasto”, adatto a diversi abbinamenti grazie alla sua variegata composizione di specie botaniche.

La Flora Alpina

Le specie che si trovano dove finisce il limite del bosco sono prevalentemente erbacee. Più si sale di quota, infatti, e più le piante assumono delle caratteristiche che le rendono corte, compatte e sottili; questo meccanismo è studiato dalla natura per permettere alla pianta di immagazzinare quanto più calore possibile durante il giorno, per sopravvivere alle gelide temperature serali/notturne. Inoltre, resistono meglio anche all’irraggiamento solare, molto intenso nell’ambiente alpino. La flora alpina è composta quasi interamente da piante perenni, con ciclo vegetativo molto rapido e una fioritura precocissima, che si verifica appena dopo lo scioglimento delle nevi.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Ti potrebbe interessare…